Rappresentante fiscale IVA in Svizzera


Chi esercita un'impresa in Svizzera o svolge un'attività professionale o commerciale, realizzando una cifra d'affari imponibile ai fini IVA superiore a 100'000 CHF annui è assoggettato a IVA svizzera. A tal fine il contribuente è tenuto a identificarsi ai fini del tributo in questione (i.e. richiedere una partita IVA), applicare l'imposta a valle per le operazioni imponibili e detrarre quella pagata a monte.

Possono iscriversi nel registro dei contribuenti anche le imprese con sede all'estero che svolgono un'attività in territorio svizzero.

Le imprese estere che effettuano sul territorio svizzero unicamente prestazioni che soggiacciono all'imposta sull'acquisto, sono esentate dall'assoggettamento. In questo caso, infatti, l'imposta viene liquidata dal cliente svizzero in modo simile al meccanismo dell'autofattura.

Un'impresa estera che esegue una fornitura su contratto d'appalto in territorio svizzero (fornitura e montaggio di beni) deve identificarsi ai fini Iva se supera la soglia di cifra di affari sopra menzionata. In mancanza, l'impresa estera ha comunque la facoltà (ma non l'obbligo) di assoggettarsi ai fini IVA e quindi di assoggettare al tributo le operazioni imponibili a valle e di detrarre l'imposta pagata ai propri fornitori.

In alternativa, l'impresa estera può farsi rappresentare da un rappresentante domiciliato in Svizzera, che curerà per conto della stessa tutti gli adempimenti ai fini dell'IVA svizzera. In particolare:

  • Assisterà la società straniera nella procedura di registrazione;

  • Preparerà tutti i documenti necessari;

  • Curerà tutta la corrispondenza con l'amministrazione fiscale federale;

  • Allestirà periodicamente i conteggi IVA;

  • Provvederà ai pagamenti;

  • Farà istanza di rimborso per le eventuali eccedenze di imposta pagate a monte.

Talenture Advisory SA offre i servizi di rappresentanza fiscale ai fini IVA sia alle imprese estere che svolgono attività commerciali in Svizzera sia alle imprese con domicilio o sede all'estero che effettuano acquisti imponibili in Svizzera e non potrebbero detrarre l'IVA Svizzera, se non effettuano ivi prestazioni imponibili.

Ad esempio, un'impresa italiana che intende partecipare alla fiera di Basilea potrebbe dover trascorrere un certo periodo di tempo in Svizzera e dover qui acquistare beni o servizi assoggettati ad IVA elvetica. Se in capo a questa società italiana non incombe l'obbligo di identificarsi ai fini Iva per mancanza dei presupposti di legge, l'imposta svizzera pagata a monte non può essere recuperata.

Nominando un rappresentante fiscale, invece, l'imposta corrisposta al fornitore svizzero per le spese relative all'attività di impresa può essere oggetto di rimborso.

A tal fine è necessario che l'impresa estera:

  • Abbia il proprio domicilio e la propria sede all'estero (es. Italia);

  • Non sia iscritta nel registro dei contribuenti IVA sul territorio svizzero (i.e. Svizzera e Principato del Liechtenstein);

  • Non esegua prestazioni imponibili sul territorio svizzero;

  • Provi all'amministrazione elvetica il proprio status di imprenditore nel proprio stato estero di origine;

  • Presenti una richiesta per l'anno civile;

  • Abbia corrisposto IVA ai fornitori svizzeri per almeno 500 CHF nell'anno civile considerato.

Talenture Advisory SA può agire quale rappresentante fiscale svizzero per l'impresa estera, può occuparsi della procedura di registrazione presso l'Amministrazione fiscale federale, può predisporre i conteggi periodici e può occuparsi di richiedere il rimborso dell'Iva svizzera pagata ai propri fornitori.

Per maggiori informazioni, contattate:

Avv. Sebastiano Garufi

#IVA #rappresentanteIVAsvizzera #rimborsoIVA #FieradiBasilea #AFC #AmministrazioneFederaledelleContribuzioni #appaltoinSvizzera #detrazioneIVA #recuperoIVA

Featured Posts
Recent Posts
Archive
Search By Tags
Non ci sono ancora tag.
Follow Us
  • s-facebook
  • s-linkedin